1964
1964

Questa sono io, nata a Milano nella seconda metà degli anni ’50 da genitori toscani che la guerra aveva portato più a nord. Di conseguenza sono milanese, con buona dose di toscanaggine, trapiantata nella campagna emiliana da più di vent'anni.

Il tessuto della mia formazione si è costituito sui fili incrociati di un liceo artistico anni ’70, dei corsi di scenografia all’accademia di Brera dove mi sono laureata, e della scuola di pittura secondo l’approccio di Rudolf Steiner che mi ha aperto gli occhi sulla forza originaria dei colori.

Con questa base per più di due decenni  ho involontariamente cercato di passare ad altri la passione per i colori che intanto si andava strutturando in me. Infatti per guadagnarmi da vivere ho tenuto corsi di pittura e ho svolto, all’interno di strutture pubbliche, attività “creative” con persone malate di mente e con anziani in difficoltà.

Il coraggio di “dipingere ufficialmente” si è andato formando molto lentamente, sostenuto dalla maturità degli anni. Recentemente ho sentito di una donna, aborigena australiana, la quale, all’età di ottant’anni, ha detto che a quel punto era pronta per iniziare a dipingere. Ho pensato che è così che si fa,  si è pronti quando si è pronti per davvero.

2016
2016